Storia
Su Titolatura

 

Prima di addentrarci nell'analisi delle singole dinastie egiziane e nella lettura dei cartigli dei principali faraoni d'Egitto Ŕ utile dare qualche informazione generale sulla storia di questa antica civiltÓ.

La storia Egizia  abbraccia un lungo periodo che va dal 3200 a.C., epoca dell'unificazione dell'Egitto, fino ad Alessandro Magno, 332 a. C..

Essa si divide in quattro periodi principali: Antico, Medio, Nuovo, Tardo Regno con  due Periodi Intermedi, il I e il II, suddivisi in 30 dinastie (cui si dovrebbe aggiungere come XXXI dinastia la seconda dominazione persiana che termina con l'avvento di ALESSANDRO MAGNO)  secondo quanto proposto dal sacerdote e storico egiziano Manetone, vissuto durante il regno di Tolomeo II Filadelfo. Il suo libro 'Aegyptiaka' Ŕ pero' giunto a noi solo attraverso parziali trascrizioni di autori pi¨ tardi quali Flavio Giuseppe e Sesto Giulio Africano e quindi le sue affermazioni vanno sempre verificate prima di essere accettate da un punto di vista storico.

Le dinastie manetoniane terminano con l'arrivo di Alessandro il Grande. Per completezza  bisogna per˛ proseguire fino alla conquista romana dell'Egitto e quindi considerare anche la dinastia Tolemaica (dinastia dei Lagidi). Ho anche inserito i cartigli degli Imperatori Romani per avere una visione completa dei cartigli di tutti i re d'Egitto.

Prima di proseguire alcune  brevi considerazioni sulla storia d'Egitto che spero servano a chiarire meglio l'evolversi degli avvenimenti.

La storia di questo popolo si svolge, per gran parte del suo scorrere, nell'EtÓ del Bronzo. Infatti per gli Egizi l'EtÓ del Ferro inizia solo dopo i contatti che essi ebbero con la civiltÓ Ittita, circa 1400 anni prima di Cristo, durante la XVIII dinastia, all'epoca dei faraoni Thutmosis IV e Amenofi III.

E' interessante per meglio inquadrare la storia egizia ricordare le date di alcuni episodi storici a noi familiari:

  • la guerra di Troia avviene attorno al 1300/1200 a.C. mentre in Egitto governa la XIX dinastia tebana;
  • Roma viene fondata nel 753 a.C. quando al governo dell'Egitto si trova la XXIII dinastia di Tanis;
  • la storia egiziana classica termina con l'avvento di Alessandro il Grande nel 332 a.C.;
  • le guerre tra Roma e Cartagine avvengono nel periodo Tolemaico durante il regno di Tolomeo V Epifane.

L'esame di questo lungo periodo di vicende fa emergere alcune considerazioni:

  • la storia d'Egitto non Ŕ solo limitata ai soliti nomi che si studiano a scuola: Cheope, Tutankhamon, Ramsete II. L'analisi approfondita evidenzia personaggi interessanti che sono di solito ignorati. Spiccano infatti grandi personalitÓ quali:
    - il mitico Menes, unificatore dell'Alto e Basso Egitto e fondatore dell'Egitto storico:
    - il faraone Geser e il suo architetto Imhotep (III dinastia);
    - il faraone Montuhotep II della XI dinastia;
    - i faraoni della XII dinastia come Amenhemat I e Sesostri III;
    - la regina Hatscepsut e il figliastro Tuthmosis III, forse il pi¨ grande faraone egizio, Amenofi III e Ekhnaton, tutti della XVIII dinastia;
    - Sethi I della XIX dinastia;
    - Ramsete III della XX dinastia;
    - Psammetico I, che ha introdotto la scrittura demotica, della XXVI dinastia.
  • l'importanza delle donne nello scorrere della storia egiziana. Esse non soltanto hanno ricoperto il ruolo di faraone come Nitokerti, Tausert e la giÓ citata Hatscepsut, ma sono state consigliere ed ispiratrici di faraoni. Ricordiamo Teje e Nefertiti, madre e moglie del faraone Ekhnaton, e Nefertari, moglie prediletta di Ramsete II;
  • l'alternarsi, durante il lungo periodo dello scorrere della civiltÓ egizia, di momenti di grande splendore e ricchezza con secoli di povertÓ e di dominazione straniera;
  • la capacitÓ della cultura egiziana di assorbire gli invasori e di trasformarli in egiziani anticipando, in questo, il rapporto della civiltÓ greca con quella romana ('Grecia capta foerum victorem coepit');
  • il perenne conflitto tra il potere civile e il potere religioso e i guasti provocati nella conduzione della nazione dalla politica di privilegi nei confronti di nobili e caste sacerdotali;
  • l'abilitÓ degli egiziani nel costruire non solo grandiosi monumenti funerari, ma anche di ideare opere pubbliche importanti come i canali di irrigazione del Nilo, la bonifica della regione del Fayum o la costruzione di un canale per unire il delta al mar Rosso;
  • l'importanza di una forte burocrazia (visir, scribi, architetti, medici ecc.) che permetteva di mantenere in vita e far funzionare un sistema politico in cui tutto il potere era nelle mani del faraone. E' grazie agli scribi, che tutto annotavano e scrivevano che abbiamo potuto ricostruire non solo la storia d'Egitto, ma soprattutto il modo di vivere degli egiziani, le loro credenze e le loro paure.

 

Torna ad inizio pagina